Il-coronavirus-è-la-punizione-per-i-gay-ma-si-ammalano-anche-gli-eterosessuali
MONDO LGBTQ

Il Coronavirus è la punizione per i gay. E allora perché si sono ammalati pure gli etero?

Il coronavirus è la punizione per i gay che Dio ha deciso di infliggerli, per via dei loro gusti sessuali.

Vi ricordate quante ne abbiamo sentite all’inizio della pandemia?
Il consigliere comunale di Trieste, Fabio Tuiach, esordì dicendo che lui sarebbe stato immune al Covid-19 in quanto etero, sposato e con figli.
Diversi preti e arcivescovi italiani e di tutto il mondo, hanno ribadito che questo virus è la punizione di Dio verso gli omosessuali per essere contro natura.
E poi, alla fine della fiera, diversi di loro si sono scoperti positivi.
Infine, non per importanza, troviamo Bolsonaro.
Da sempre in lotta per affossare le persone LGBTQ+, dicendo frasi discriminatorie di ogni genere, si è visto anch’egli risultare positivo dopo il tampone.

Attenzione: non ci sono dati statistici che affermano che le persone eterosessuali si sono ammalate di più di Covid-19 rispetto a quelle omosessuali.
Dubito che il personale sanitario faccia il tampone e poi chieda: “sei etero e gay? Sai…te lo chiedo perché dobbiamo fare una statistica”.
No, non funziona così.
Questo articolo vuole solo far pensare quanto sia curioso che molte persone che hanno additato i gay come colpevoli e portatori del virus, poi si sono ritrovate loro stesse in pessime condizioni proprio a causa del Coronavirus.
Curioso no?
E poi, come direbbe il buon Bocelli: io non conosco nessuna persona omosessuale che è si è ammalata di Covid-19 per cui…

Battute a parte, ci sono due cose che non mi tornano. La prima: se il Coronavirus è la punizione per i gay, perché ha colpito anche gli eterosessuali?
Avrebbero dovuto ammalarsi solo le persone (a loro dire) LGBTQ+…no?
La seconda: quale Dio vorrebbe punire i suoi figli con un virus di una così brutale potenza?
Dio ama, protegge e non infligge punizioni. Sbaglio?

Questo breve articolo e le ultime righe di riflessione vorrebbero far capire a certe “persone”, che prima di aprire la bocca o scrivere qualcosa, bisogna azionare il cervello. Ammesso che ne abbiano uno.

#StaywithPaciok

24 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.